Prof. Enrico Euli

Ricercatore presso la Facoltà di Scienze della Formazione – Università degli Studi di Cagliari

Tel: 070657700 - 3387777857 - Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Insegnamenti: Metodologia e tecnica del gioco, del lavoro di gruppo e dell'animazione

 

CONTESTI E MODELLI EDUCATIVI

la tradizione educativa del villaggio (famiglia, società indigena, usi e costumi, riti di passaggio...) ed i suoi rapporti con i modelli educativi della colonizzazione inglese e con quelli attualmente

proposti/imposti dal governo e/o dalle ong.

 

METODOLOGIE E CONTENUTI DELLA DIDATTICA

le metodologie di lavoro didattico all'interno dell'istituzione scolastica: organizzazione dei tempi, degli spazi e strutturazione del corpo-studenti e docenti; forme e modi dell'attività didattica; selezione delle discipline di studio e loro apprendimento.

 

ESPERIENZE DI GIOCO

le esperienze di gioco nella cultura tradizionale dei bambini, dei giovani e degli adulti nel villaggio; il rapporto tra i giochi tradizionali e l'importazione di giochi moderni e industriali; l'autocostruzione di giochi 'poveri'.

 

EDUCAZIONE ECOLOGICA

l'educazione al risparmio dell'acqua e delle risorse naturali; il villaggio ed il suo rapporto con l'ambiente naturale; il ruolo della scuola e la possibilità di confronti-scambi-gemellaggi con scuole italiane su questi temi.

 

Prof. Salvatore Deiana

Ricercatore in Pedagogia Generale e Sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Cagliari

Tel. 070/675 7382 - Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito personale: http://www.scform.unica.it/pub/netdocs/11/index.php?module=documents&JAS_DocumentManager_op=viewDocente&id_docente=4066&settore=3

Insegnamenti: Teoria della progettazione educativa


EDUCAZIONE ALLE RELAZIONI (cura e coltivazione dell’umanità/ identità e differenze): esperienze e pratiche: (approccio fondato su una concezione di riflessività ed apprendimento esperienziale) il viaggio come esperienza di formazione nell’incontro con le persone e i mondi di una diversa cultura: la preparazione al viaggio, il gruppo e il trasferimento, il soggiorno nel luogo con la relazione fra la propria identità e l’altrui differenza, le disposizioni della cura (l’osservazione, l’ascolto, il dialogo, la partecipazione e condivisione); il diario dell’esperienza; il ritorno e il patrimonio umano acquisito;


TEORIA E PRATICA DELLA PROGETTAZIONE EDUCATIVA E FORMATIVA: predisporre un progetto formativo, per sé ed eventualmente per altre persone (il gruppo della cultura osservante o persone del luogo) oppure confrontarsi con la progettazione formativa delle esperienze e realtà locali: studiare ed elaborare finalità ed obiettivi, fasi, articolazione dell’attività formativa, sua verifica e valutazione.


PEDAGOGIA DELLE DIFFERENZE DI GENERE: (ruoli e funzioni delle) identità e differenze di genere nella cura e nell’educazione familiare (madre, padre, coppia genitoriale, ecc) ed extrafamiliare, scolastica (maestri e maestre) e comunitaria; modelli e modalità delle (e della formazione alle) identità e differenze di genere; le relazioni intra e intergenere.